wic women stories

Women stories: donne che rendono grande Firenze

Silvia Ciuffetelli #WomenStories, Blog 2 Comments


Nell’ambito di Wic – Woman in Charge, un progetto a cura di Carla Castro, ho conosciuto tantissime imprenditrici eccezionali che lavorano a Firenze. Carla è un’intraprendente donna in carriera adottata da Firenze e che ha creato un’ambitissima community digitale grazie alla quale è possibile far parte di una rete femminile di supporto professionale, relazionale e virtuale. Mi è piaciuta tanto questa idea, soprattutto perché, se non sei nato da queste parti, bisogna che tu ti attrezzi efficacemente per conoscere persone nuove e avere una vita sociale al di fuori di Netflix.

Si, sto dicendo che socializzare in questa città, almeno per me, non è poi così facile

Con le Wic, le donne della community, mi sono sentita subito in un ambiente meraviglioso e ho iniziato a leggere con piacere tutti i loro post. Ho deciso di unirmi anche io e, in cambio di una piacevole chiacchierata, ho offerto a tutte una consulenza in ambito di strategie digitali per la promozione di un’attività locale online.

Si sono offerte tantissime Wic, così tante da riempirmi tutta l’agenda per tre settimane

Grazie a queste fantastiche donne ho trascorso pomeriggi interessantissimi a parlare di ciò che più mi piace e a conoscere tante donne proprietarie di bar, aziende, negozi fiorentini. Ho conosciuto professioniste di ogni tipo e per ognuna di loro mi sono accorta che c’era del potenziale pazzesco nelle loro teste. Queste donne possono tranquillamente imparare da sole a utilizzare correttamente il web perché applicano efficacemente il marketing nelle loro rispettive occupazioni, tutti i giorni. Così, appuntamento dopo appuntamento, ho scoperto un tesoro prezioso da portare alla luce: il grandissimo fervore di queste donne a cui manca solo un indirizzamento per farcela da sole. Immagina quanto questo fervore possa far bene alla città, al territorio e alle persone che ci vivono se fosse valorizzato!

Quale beneficio ha portato a me?

Ho avuto in cambio l’occasione di confrontarmi con chi il Marketing lo applica già, quasi inconsciamente, e poter chiacchierare amabilmente con chi lavora in realtà interessanti e di cui potrò sicuramente avere bisogno. Il gruppo delle Wic mi ha dato l’opportunità di trasformare un incontro virtuale in reale e ho così deciso di presentarti queste donne, le loro attività e le loro peculiarità per farti conoscere una Firenze quasi mai raccontata, ovvero quella delle persone che lavorano sul territorio.


Per avere anche tu la possibilità di parlare della tua attività e trovare le migliori soluzioni per farla conoscere online, lasciaci un commento o mandaci una mail. Un punto di vista esterno, dopotutto, non fa mai male. 😉

Abbiamo intervistato Carla Castro, la fondatrice

carla castro wic

In merito al gruppo che ha creato e curato fino a farlo diventare una community gigante e attiva, Carla ci dice:

Mi considero una persona che non molla quindi avrei sicuramente lavorato tanto fino a portare il gruppo ad arrivare a grandi numeri. Poi dopo le 15.000 iscritte, appena 2/3 mesi dopo l’apertura, ho capito che il gruppo con la moderazione sarebbe cresciuto bene. Il fatto che WIC non è un forum di discussione in cui non sono ammesse polemiche ha fatto sì che i membri si sentissero finalmente in un ambiente sereno, dove poter chiedere aiuto o raccontare le loro storie senza essere giudicate. Questo fattore ha fatto diventare WIC il gruppo più attivo per donne a Firenze!

Quanto impegno richiede la gestione di un gruppo?

Gestire “a modo” un gruppo Facebook non è per niente facile. Io dedico molte ore al giorno per curarlo, soprattutto perché con quasi cinquantamila donne bisogna leggere e moderare tutto quello che viene pubblicato. Piano piano la comunità stessa mi sta aiutando a moderare il gruppo segnalando i post o commenti inadeguati al gruppo, dimostrando che ha imparato le regole e che ha accettato lo spirito WIC.

Quindi cosa significa per te “Comunità Virtuale” grazie all’esperienza WIC?

Significa la possibilità di creare sinergie e nuove conoscenze per poi riportarle al mondo reale. È per questo che spesso organizziamo serate per conoscerci dal vivo e arricchire i rapporti già nati virtualmente.


Comments 2

  1. Fotografo….soprattutto donne, donne vere, non modelle….già molte WIC sono ritratte nelle mie opere…e per mezzo delle mie foto faccio campagne di sensibilizzazione contro la violenza e per la rivalutazione del ruolo di donna…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.